La scelta sta a te!

Ci vuole solo un secondo per cambiare vita, un momento determinante per voltare pagina e cominciare un nuovo percorso. Ho visto persone cambiare radicalmente le loro abitudini: da paffutelli a sportivi. Anche tu ce la puoi fare, stanne certa! Rambo, Indiana Jones, Tex Willer, Batman, l’Ispettore Callaghan, Kojak, Lara Croft, Super Pippo… Che cosa ti viene in mente quando pensi a tutti questi nomi? Eroi? La risposta giusta è Action Heroes, più efficace in inglese. Sono tutti personaggi diversi tra loro ma in comune hanno la capacità di prendere il toro per le corna e gestire le situazioni più complicate! In altre parole sono attivi non passivi. Questo è esattamente l’atteggiamento che dovrai avere tu se vorrai avere un corpo mozzafiato, dovrai diventare una combattente, almeno nel tuo approccio mentale.

Nella vita ci sono due schiere di persone: le vittime e i vincitori. Le vittime (vere) sono quelle che si trovano legate sulle rotaie, o le famiglie sfrattate da casa pur avendo sette bambini da sfamare, o semplicemente le persone che si bloccano di fronte a una particolare prova… Ti senti una vittima? Ti domando: sei una vittima? I can’t hear you! Chi sei? Una vittima?

Se non stai urlando a squarciagola «Nossignore!», allora non hai mai visto Ufficiale e gentiluomo o Full Metal Jacket e probabilmente hai perso persino M.A.S.H., il mio esperimento nel ruolo di sergente dei marines è quello di convincerti di una cosa: se vuoi un corpo mozzafiato dovrai impegnarti per averlo, fisicamente, mentalmente e spiritualmente.

Questo impegno però non è una sofferenza, ti ho promesso che non dovrai rinunciare ai piaceri della vita. L’impegno che ti chiedo è piuttosto un atteggiamento diverso verso quello che stai andando a conquistare, un modo di porti nuovo piuttosto che un’azione vera e propria. Un eroe è responsabile per se stesso, e molte volte anche per coloro che sono al suo fianco. Anche se, per il momento, mi serve solo farti diventare un Rambo per te stessa. Devi render- ti conto che puoi avere tutto quello che vuoi dalla tua vita se decidi di averlo,e basta solo un istante per vincere. Decidi ora di stare meglio, volta pagina e comincia a percorrere una nuova strada.

Ti piacciono i film, no? Quando l’eroe sembra ormai sconfitto, ormai a terra, ammaccato e senza speranze, cosa fa? Trova dentro di sé la forza e il coraggio di reagire e si rimette in piedi pronto per la sfida finale. Allora prendi le redini in mano e renditi conto che la scelta è solo tua. Tu sola puoi decidere di avere un corpo mozzafiato. Tecnicamente, in un paese libero, non c’è nessuno che possa costringerti a mangiare male o troppo (anche se a volte ti sembra che la mamma abbia questo magico potere di costringerti a finire tutto ciò che c’è nel piatto, altrimenti si offende, ma questa è un’altra storia), e nessuno ti può forzare a non allenarti per il tuo bene.

È ovvio, che una volta che hai svoltato pagina dovrai percorrere una nuova strada con nuove sfide, ma fa parte del percorso giusto? Non fissare la meta ma intraprendi il viaggio e vedrai che l’esperienza totale di vita e piaceri diventerà subito più ricca e soddisfacente.

Ecco un allenamento per veri duri alla Rambo, un protocollo di lavoro da utilizzare per i pesi, da fare per due giorni e poi concedersi un giorno di recupero.

• Giorno 1: petto, schiena, addominali.
• Giorno 2: spalle, bicipiti, tricipiti.
• Giorno 3: cosce, quadricipiti, bicipiti femorali, polpacci.

• Lunedì: petto, schiena, addominali.
• Martedì: spalle, bicipiti, tricipiti.
• Mercoledì: (solo cardio).
• Giovedì: cosce, quadricipiti, bicipiti femorali, polpacci.
• Venerdì: petto, schiena, addominali.
• Sabato: (solo cardio).
• Domenica: spalle, bicipiti, tricipiti.

Da lunedì continua il ciclo partendo con il programma di allenamento del giorno 3: cosce, quadricipiti, bicipiti femorali, polpacci. Se vuoi che sia meno intenso, prova con due giorni di allenamento e un giorno di recupero, e poi passa a un programma alternato di un giorno sì e uno no per avere il massimo recupero. Poi continua con questo ciclo.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

*