Una giusta prospettiva per un corpo mozzafiato

Quando si parla di un corpo mozzafiato è importante definire il concetto di quale “corpo” si intenda per non confonderlo con un corpo molle. Chiaro, no?

In casi come questo è importante assicurarsi di parlare la stessa lingua e di aver trovato il comune denominatore, altrimenti alla fine di tutta questa avventura rischieremmo di scoprire che io parlavo di arance, mentre tu speravi di iniziare a mangiare una bella mela rossa. Quando scrivo “mozzafiato” mi riferisco al massimo splendore raggiungibile dal tuo corpo.
Sia chiaro che non ti voglio illudere e farti promesse fantascientifiche. Non diventerai come:

• Angelina Jolie.
• Brad Pitt.
• La modella di Victoria’s Secrets.
• Né quella di Yamamay.
• Né quello di Ralph Lauren.
• E probabilmente non finirai nella prossima pubblicità di D&G.

E non ti distrarre! Torna alla realtà. Se avessi quel potere sarei già miliardaria e di conseguenza sarei su uno yacht a tuffarmi in un’acqua limpidissima oppure starei giocando a golf in un esclusivo centro benessere. È importante rendersi conto di un paio di fattori che non sono trasformabili con alcun tipo di intervento e tenerli bene in mente quando immagini il tuo corpo – prossimamente su questi schermi – mozzafiato. Per aiutarti scrivo un’antica preghiera che adoro: «Dio, dammi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, la forza di cambiare quelle che posso e la saggezza per comprendere la differenza». Non dimenticarla mai!

Tieni presente che ci sono alcune cose che non possono essere modificate:

• L’altezza.
• La lunghezza dei tuoi arti (braccia, gambe, mani e piedi).
• La quantità di fibre muscolari dei singoli gruppi (questo vuol dire che ognuno di noi ha una predisposizione ad avere una facile crescita musco- lare in certe zone del corpo e difficile in altre).
• Colore degli occhi, lenti a contatto permettendo.
• La tendenza genetica della distribuzione del grasso, liposuzione perme- tendo.
• La distribuzione spontanea della capigliatura (non sognare i capelli di Ni- cole Kidman… ti ho già detto che non faccio miracoli).

In generale: non farti venire strane idee in testa! Avere delle aspettative troppo lontane dalla tua base di partenza è poco realistico e sicuramente è il modo migliore per rinunciare a completare il percorso. Il mondo di oggi è ossessionato dalla perfezione, ma la perfezione non esiste. Tranne nel caso di Victoria Silvstedt ma, secondo me, lei non è reale. È un robot cibernetico che ha ben poco da dividere con noi comuni mortali. Ma è esattamente questa ricerca della perfezione che sta rovinando la felicità generale di tutti noi.

Per tirarti su di morale vai ad affittare un vecchio film degli anni Cinquanta, Sessanta o Settanta! Le donne non erano perfette (neanche gli uomini), anzi erano mediamente toniche, rotonde, a volte anche un po’ “patatone”, ma piacevano tantissimo ed erano considerate dei veri sex-symbol. C’è forse bisogno che faccia i nomi di Sofia Loren o Marilyn Monroe?

Quello che serve è un sano senso di autoconsapevolezza e un pizzico di ironia. Puoi ottenere tanto da un costante allenamento e ti garantisco che i benefici alla fine andranno ben oltre il corpo mozzafiato. Capirai infatti che è bellissimo scoprire i cambiamenti interiori grazie a una salute migliore e all’aumento del livello dell’energia.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

*