Top

Come addomesticare il tuo palato

Diciamolo: il cibo piace e quanto piace! Per molte persone sembra quasi una scelta impari quella tra un succulento pasto o un corpo mozzafiato. Però, io, Jill, ti avevo promesso che potrai avere il corpo mozzafiato senza rinunciare ai piaceri della vita, e per fare tutto ciò serve un palato addomesticato. «Ma che è un cane?», ti starai chiedendo. No, certo. Il tuo palato non è un cane (anche se, in alcune occasioni, può avere i peli sulla lingua), ma può essere educato al cibo.

Il palato è condizionato da tante cose, e non c’è una regola uguale per tut- to il pianeta su ciò che possiamo considerare di buon gusto oppure no. Ovvio che in questo momento intendo come buon gusto quello collegato agli aromi e ai sapori e non lo stile dell’abbigliamento, che merita una discussione a sé. Ogni abitante del pianeta, in ogni continente, nazione, regione, paese, ognuno di noi ha gusti diversi, ma la struttura del palato umano è uguale per tutti: quattro zone di percezione sensoriale (acidulo, salato, dolce e amaro) che si armonizzano come le note di un pianoforte per farci gustare il sapore dei cibi. Ed è per questo che da oggi puoi usare quei fattori per cambiare il suono dei sapori sul tuo palato e con il tempo li apprezzerai. Sarà come avere “l’orecchio” per un nuovo tipo di musica.

Sei nata in India? Di certo il tuo palato è stato abituato a curry, coriandolo, curcuma e peperoncino… tanto, tanto peperoncino, e speriamo che anche il tuo ultimo tratto intestinale sia altrettanto abituato al gusto piccante di questa spezia rossa. Ti hanno dato alla luce in Italia? Il tuo palato amerà il prosciutto dolce, la mozzarella di bufala e un bel piatto di tagliolini all’uovo. Sei americana? Il tuo palato starà ancora provando a capire come si chiama, dove si trova, e probabilmente per una vita tenterà di fuggire da quel miscuglio di sapori composto da patatine, ketchup, hamburger e tacos. Leggi con calma questo passaggio e ricordalo.

Puoi imparare ad apprezzare nuovi gusti, esattamente come mentre stavi crescendo hai acquisito un “gusto” per cibi più adulti come il caffè, il vino, il fois gras e persino il cervello fritto. OK, forse gli ultimi due non ti piacciono neanche adesso, ma non pre- occuparti perché non fanno parte dei consigli alimentari per avere un corpo mozzafiato.

Puoi crederci, o no ma sappi che è vero: il tuo palato può essere condizio- nato ad apprezzare il buon cibo al posto di quello pesante e grasso. Man mano ti sentirai più in forma e non solo esteriormente: tutto il tuo fisico ne beneficerà e con il tempo sentirai che il cibo “cattivo” o pesante non farà più parte dei tuoi gusti. Il palato si addestra come qualsiasi buon animale domestico: one step at a ti- me e con tanta costanza, o nel peggiore dei casi, legandolo a un palo e costringendolo a mangiare solo quello che decidi tu.

Il problema però non è il tuo palato, vero? Ma piuttosto la forza di volontà e le naturali preferenze alimen- tari. Spesso le persone provano a cambiare troppe cose contemporaneamente e poi, frustrate e sopraffatte, rinunciano a tutti i buoni propositi d’amblè.

Prova un nuovo alimento alla volta e provalo per almeno due settimane di fila prima di passare a un altro prodotto o a sperimentare una nuova abitudine alimentare. Per esempio prova a mangiare i fiocchi di latte o formaggi freschi invece dei formaggi a pasta dura. Prova il latte scremato al posto di quel- lo intero, un taglio magro al posto di uno grasso di carne. Togli le salse e prova a mangiare con meno condimenti. Sono semplici suggerimenti, ma ridur- ranno le calorie eccessive rispetto al tuo fabbisogno giornaliero e nel giro di poco tempo anche il tuo palato apprezzerà queste scelte più sane.

No Comments

Post a Comment